Go to Top

Aprite le porte che passano i rossoblù | Sempre per i 3 punti

di Marcello Fumarola

Proprio mentre scrivo arriva la grande notizia!! Sabato contro il Manfredonia sarà possibile accedere allo Iacovone. Evitato quindi (e sinceramente non me lo aspettavo)l’ennesimo sberleffo da parte di una giustizia sportiva che, si tratti del Palazzo o di…Palazzi ha sempre mostrato sin troppa attenzione nei confronti delle dinamiche calcistiche tarantine. Nella trepidante attesa della decisione qualcuno sosteneva che l’unica speranza fosse rappresentata dalla prevista diretta su Raisport. Personalmente ci credevo poco, tanto che nelle mie orecchie già riecheggiava quel tristemente noto “A Castellaneta v’attocche”. Probabilmente le motivazioni sulla quale è stata presa questa “sofferta” decisione saranno state ben diverse e credo, altresì, ben più importanti. Ora tutti allo stadio, ovviamente; le raccomandazioni non fanno per me e voglio sperare, dal profondo del cuore rossoblù, che non ve ne sia effettivamente bisogno.

Ma questa è anche la settimana in cui possiamo goderci una classifica che ci consente, in pratica, di ripartire da zero verso un prolungato sprint (possibilmente in progressione) della durata di 16 giornate in cui solo due avversarie partono leggermente avvantaggiate (1 punto= pochi centimetri); magari sfruttandone la scia, potremmo presto ritrovarci a condurre il plotone. Dopo l’excursus di atletica leggera, per capirci meglio, le pur insidiose prossime tre sfide contro un malconcio Manfredonia, a seguire contro la sempre temibile (vero Colummè) banda di giovanotti guidata da Ciro Muro e, per finire, contro un sornione Bisceglie che a dicembre si è riorganizzato ed irrobustito, devono comunque rappresentare la continuità in primis dal punto di vista del risultato…ovvero: VITTORIE A PRESCINDERE!!!

In questo modo le successive sfide a Torre del Greco ed allo Iacovone contro il Brindisi potrebbero, quasi certamente, essere affrontate da capolista ma soprattutto con una spinta ed un entusiasmo tale da rappresentare, a mio modesto avviso, un indubbio vantaggio. Per il resto, come opportunamente sottolineato da Papagni in conferenza stampa, c’è da tenere sempre alta la tensione per non sciupare la rimonta effettuata, per ridurre al minimo gli errori partita dopo partita e capitalizzare le enormi risorse tecniche e balistiche ( nelle ultime settimane…”BALIST…RERISTICHE”) a disposizione. Per nostra fortuna nel girone H, quest’anno, non c’è una squadra in fuga come l’Ischia dello scorso campionato, cosa che avrebbe mortificato le nostre ambizioni ma ancor più quelle del faraonico e frastornato Matera. In Lucania, infatti, oltre ai poco fruttuosi cambi di guida tecnica (il problema non era e non è certamente quel “mister Cosco” in panchina ma più probabilmente quel “tipo losco” che si aggira dietro la stessa…) Continua la giostra di arrivi e partenze; elementi di indubbio valore (Picci), ancora ex giocatori rossoblù (alcuni dei quali come Giorgino e Migliaccio sono stati già “smaltiti”); in qualche caso, molto più semplicemente, alcuni “ex calciatori”…e basta!!! Magari rischio la figuraccia ma faccio un pronostico: le rappresentative All Stars possono vincere una o più partite…ma non un torneo. Occhio invece alle cosiddette outsider: Francavilla praticamente imbattibile sul campo amico e Marcianise, sia pur in decisa frenata, pur sempre capolista, sono squadre solide e certamente meno “assillate” dal risultato finale. Monopoli e Brindisi non molleranno sino alla fine; soprattutto i biancazzurri potrebbero trarre preziose risorse ed “Energia” se si dovesse realizzare una “luminosa” sponsorizzazione (capisc’ a me) che da quelle parti sta portando già diversi frutti nel….canestro!!!

Tornando a guardare, come è giusto che sia, le cose di casa nostra, è saltato l’ingaggio dello “Giaccherini dello Jonio”, ovvero Nanni Riezzo, che ha preferito la prospettiva della continuità di impiego, seppur in una categoria inferiore. D’altronde il ragazzo, solo per caratteristiche e ruolo, non era, sempre a mio modesto avviso, ciò che ci serviva. In tal senso, considerando l’assoluta ed imprescindibile esigenza di garantire la corretta gestione economico-finanziaria della società, non posso che concordare sulla scelta di “rimanere così”, in attesa della completà riabilitazione e disponibilità di Fabio Grieco. Solo da un punto di vista tecnico, però, lasciatemi ribadire che questa squadra, guidata dalla difesa da un calciatore di carisma, personalità e “piedi educati”, potrebbe fare un ulteriore, forse decisivo, salto di qualità verso il conseguimento dell’obiettivo Lega Pro.

In conclusione, scongiurata l’ipotesi di assistere alla partita da “poppiti” (ovvero fuori le mura dello Iacovone), faccio un altro piacevolissimo tuffo nell’amarcord per intonare un coro, in auge nella Curva “anni 80”, che mi sembra calzare a pennello con la situazione attuale. Come sempre, chi non canta è un barese ed ha “parenti di facili costumi”…Pertanto…Tutti insieme: “APRITE LE PORTE CHE PASSANO…CHE PASSANO… APRITE LE PORTE…CHE PASSANO..I ROSSOBLU’!!!

Sempre per i 3 punti…

Admin

About

La redazione di taras706ac.it è formata da volontari, non professionisti, che si dedicano al progetto Fondazione Taras con passione, spirito di servizio, amore e la giusta dose di follia.