Go to Top

Guestbook

Aggiorna guestbook       Registrati

Effettua il login per poter scrivere

Registrati



frengo


Con 4 vittorie puoi salvarti senza play out..possiamo rovesciare il tavolo dai ragazzi crediamoci tutti nonostante tutto Solo per la maglia!

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 14:35



LucioRossoblu


albiuser....sicuramente sei una brava persona...educata e gentile ...ti posso assicurare che non sono il coccodrillo...se vuoi ci possiamo sentire in privato....cmq devi essere onesto....il duo ha deluso anche te

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 14:33



LTT


Tenete presente che anche se è fortemente indispensabile, una vittoria oggi è inutile se non si fa poi risultato a Melfi. Saremmo nuovamente ultimi a due giornate dalla fine. Oggi è solo transitoria un' "eventuale" vittoria. 4-3-3: Contini; De Giorgi, Russo, Magri, Pambianchi; Nigro, Guadalupi, Paolucci, Boccadamo A,, Contini, Emmausso. Potenza a partita in corso (se passa la palla).

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 14:06



peppone


oooooooooooooooooooooooo spaccame tutte cose!!

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 14:00



albiuser


C'é qualcuno che chiude i post con " capisc a me" tipica chiusura utilizzata da frequentatori di paludi...... e si ti ho capito..... e come se ti ho capito......

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 13:58



Raffaele


si facciamo i bravi andiamo a tifare... mi chiedevo quando come tutti gli argomenti ciclici avremmo iniziato a parlare di ripescaggio. Lo abbiamo fatto testé. puntuali come in questo periodo negli ultimi tot anni...E tra poco inizieremo con iscrizione si iscrizione no...lascio o raddoppia. La giostra abbia inizio e ORA E NON SOLO PER ORA...SFT

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 13:54



albiuser


Antò otr ca l chiacchiere. Con questi colori sempre, oltre la categoria.

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 13:51



jackfolla


Tra un po sarò al mio posto sui gradoni della curva ad incitare i nostri ragazzi. SFT!!!

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 13:46



Assimepacce


È questione di fede, peccato per chi non ci crede. Forza Taranto ogni sacrosanto giorno!

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 13:42



danymetal


Speriamo che capiscano

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 13:32



danymetal


Buttate il pallone alle spalle del portiere avversario

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 13:31



danymetal


Tirate in porta

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 13:30



danymetal


Trat mbort

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 13:29



Alexta


Peppone ovviamente il mio discorso era legato ad un cambio societario con una società seria.. con questi oltre che a scendere in D faremo una squadra mediocre anche per la D sempre se ci iscrivono al campionato... sta società non ha futuro... rido ancora quando penso al programma quinquennale ahahha scandalosi.. e si permettono pure il lusso di dire che dobbiamo ringraziarli quando questi quest'anno hanno solo guadagnato soldi

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 13:28



rossoblu82


è più facile che mi compri io il taranto e metta peppone come allenatore, che questa società paghi x il secondo anno consecutivo il fondo perduto.... 😉

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 13:26



peppone


Non Alex..se proprio dobbiamo retrocedere facciamolo in pace...non voglio passare un altra estate di passione e poi chi paga i 350 carciofi per un eventuale ripescaggio?None lasse stá,po a fa ancora una squadra Mediocre,tecnico mediocre e d.s. mediocre...meglio investirli in d quei soldi...per allestire una squadra decente....in D serve un molinari un lo sicco e un pambianchi e cosa fondamentale 4/5 under forti...solo cosí fai un campionato ad alti livelli!!

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 13:20



Alexta


Rossoblu82 capisco.. quindi potremmo anche noi essere ripescati nuovamente... sempre se avviene una moria di squadre come l'anno scorso..ma vabbè so già che se mai dovesse succedere noi neanche ci proveremo

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 13:19



rossoblu82


alexta..semplice..il secondo anno è stata ripescato alla seconda chiama visto che alla prima nn poteva essere ripescata e non avendo raggiunto il numero delle squadre da ripescare alla seconda è rientrata...

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 13:12



Alexta


Ma l'albinoleffe come ha fatto ad essere ripescata due volte di fila?? Nel 2014/15 scese da ultima nel 2015/16 perse i play out... se grat grat scendiamo non possiamo assolutamente essere nuovamente ripescati? Perché a giugno/luglio ne vedremo delle belle di squadre che non riusciranno ad iscriversi

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 13:04



peppone


Kekkone63 Doce quedda vocca toja!

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 12:43



vin61


Buongiorno, oggi presente al mio solito posto, per la maglia per la squadra o chi c.a.z.z.o. volete voi ma comunque presente

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 12:34



nonnoluigi


onesto in questo campionato spesso ho lasciato lo iacovone sdegnato e deluso...e spesso mandati a fan cu lo....distribuito adeguatamente ...

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 12:32



Multijet_360


Dopo tanta sfortuna, approssimazione, schiaffi presi in quasi tutti i campi di Lega Pro (in primis il nostro) magari il vento della dea bendata si ricordava di noi, figli di un dio minore e che queste quattro partite alla fine possano portarci quei punti tanto sperati, ma mai arrivati.. Non so il perché, ma oggi mi aspetto una squadra cazzuta, per fortuna il tempo è abbastanza fresco, quindi la stanchezza dovrebbe incidere in modo sicuramente minore che non con sole diretto e temperature estive..

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 12:30



nonnoluigi


onesto un grande e grosso "andate a FAN CU LO "...dal profondo del cuore...

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 12:28



nonnoluigi


albiuser onesto 🙂 ...non ho partecipato i cori di sabato che hai menzionato....avevo abbandonato subito la gradinata dopo il gol subito...ma onesto un grande e grosso "andate a FAN CU LO "...me lo sono fatto scappare con tutto il cuore...

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 12:27



nonnoluigi


Stefano ...ho letto in leggero ritardo... ...assolutamente niente di personale ..sono solo scambio di opinione...ho solo preso assist dal tuo post..il periodo prosperi de gennaro non è l'unica vicenda da mettere sotto la lente d'ingrandimento....è una questione quella di prosperi...come altre ..perchè c'è molto di più prima e dopo la vicenda prosperi..e...che avremo modo di chiarire tutto a fine campionato ...sperando sempre in una buona fine...che racimoliamo i punti per giocarci al meglio i play out...avremo tanta carne a cuocere che ci faremo una abbuffata di scambio opinioni.... cazzate varie e supercazzole...e speriamo sempre con equilibrio senza come dici giustamente per simpatie e antipatie e per scopi e questioni di interesse personale...

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 12:17



kekkone63


peppone oggi la media punti sale 1,1 ... speriamo.

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 12:11



Multijet_360


Nonostante il tempo tipicamente invernale, sarò sui gradoni dello Iacovone anche oggi giorno infrasettimanale.. Possiamo dire pesta e corna di questo Taranto, bestemmiare come un caimano prima di essere trasformato in una elegante borsetta, ma poi quello che conta veramente essere li e lottare tutti insieme per quei colori di rosso e blù. Tecnici, calciatori, società. passano, la maglia resta sporca di sudore, di fango di quello che volete, ma rappresenta la nostra storia calcistica.. Forza Taranto!!

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 12:08



albiuser


Quel coro "VERGOGNATEVI" non andava fatto a quei 20 ragazzi che con tutti i loro limiti ce la stanno mettendo tutta, andava fatto agli ALI BABA' (che gustano Cocktails alla faccia nostra e dei loro compagni) e ai 30 LADRONI (che spero vengano arrestati presto)

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 12:05



albiuser


Luciano secchi mi ha capito quando parlavo di avvoltoi, Lucianorossoblu no..... "Excusatio non petita accusatio manifesta"

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 12:01



peppone


Da ultimissimo posto di fatto!

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 11:58



peppone


Kekkone....media punti Ciullo 0.90 Poco meglio del vostro capitano....ed ho detto tutto!!

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 11:57



Romanzini


Lambrugo. Vero tutto quello che dici, avevamo ottime chances di salvarci direttamente e le abbiamo buttate nel c.esso, ma io il tifoso tarantino lo capisco, siamo sfibrati da anni di pressappochismo, anni di figure sportivamente pessime, contro avversari sconosciuti. 24 anni di schifo, con gli ultimi 5 vissuti convivendo con difficoltà enormi e con l'unico desiderio di rivedere il Taranto almeno dove era all'epoca di Km.0, in C1. Ogni anno cose fatte di fretta, ogni anno cambi societari, ogni anno promesse non mantenute, eppure il tifoso mai come quest'anno non ha chiesto la Luna, solo un campionato dignitoso senza sofferenze magari divertendosi. Niente. La reazione della piazza era inevitabile, di pancia come dici tu, sbagliata ma comprensibile. La gente non ce la fa più, eppure, ribadisco, non si chiede la promozione ma una onesta salvezza (onesta significa con notevole anticipo) divertendoci. La straordinaria capacità di autolesionismo insita nel tarantino ha avuto terreno fertile perchè non si sono create le condizioni per non farla venire fuori. Sarebbe bastata un pizzico di professionalità, sin dall'inizio, non tanti soldi ma tante idee spendibili che portassero frutto. Adesso dobbiamo salvarci, costi quel che costi, ma quando qualcuno capirà che a Taranto per fare 10000 spettatori basta una bella squadra giovane, forte, che segna e fa divertire, al netto delle promozioni, allora avremo fatto un passo enorme avanti, e situazioni come quella che stiamo vivendo non le vedremo più. Saluti rossoblù!!!

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 11:30



LucioRossoblu


FARE SQUADRA SOLO DI GIOVANI....ALTRA BESTEMMIA...VI RACCOMANDO DIFENDETELA

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 11:30



kekkone63


la scelta Prosperi aveva una doppia valenza economica: il buon allenatore fatto in casa costava nulla o poco piu; non avrebbe preteso rinforzi adeguati: infatti è stato tenuto fino alla fine del calcio mercato. Risultto finale : 12 punti in 16 partite, media 0,70 da ultimissimo posto.

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 11:21



LucioRossoblu


IO STO CON LA FONDAZIONE ULTIMO BALUARDO DI QUESTO CALCIO MALATO...PARLA DI DEBITI..LEGGETE PREGO....RIVOLTI A CHI NCORA SI TAPPA OCCHI ORECCHIE E BUCO DEL C..LO..............Con riferimento alla nota diffusa questo pomeriggio dai soci del Taranto Fc 1927 Elisabetta Zelatore e Antonio Bongiovanni, l’Aps Fondazione Taras 706 a. C. intende effettuare alcune precisazioni. Ciò in ragione della “chiarezza e trasparenza” che sembrano aver animato l’intervento dei due soci di minoranza, ciclicamente impegnati a ribadire di esser disinteressati all’acquisizione delle quote di maggioranza del club. La Fondazione Taras è orgogliosa di non aver mai distolto l’attenzione dall’unico obiettivo che conta: il bene del Taranto FC 1927. A questo traguardo il trust tarantino ha rivolto e rivolgerà sempre il suo intero operato, che va difeso con forza da chi vuol metterlo in dubbio con discrediti di ogni tipo. Da qualche tempo, a livello pubblico, ci viene domandato a chi abbia giovato la presenza dei tifosi nel club. Vale forse la pena ricordarlo, sia pur sommariamente, per placare le congetture di chi si esprime con troppa leggerezza, trasfigurando, forse volutamente, i fatti di questi ultimi anni. In primo luogo, non si deve dimenticare che anche grazie alla Fondazione Taras è stato possibile raccogliere i fondi necessari per azionare il lodo Petrucci nel 2012 e che se è ancora possibile discutere di calcio a Taranto, lo si deve anche a questo trust di tifosi. Non si trascuri, poi, che la Fondazione è l’unico socio ad aver partecipato a tutte le ricapitalizzazioni del club, versando denaro nelle casse societarie e contribuendo, per questa via, alla sua stessa esistenza materiale. Non si ignori, infine, il ruolo di vigilanza esercitato dalla Fondazione Taras sui conti della società, il cui esito più chiaro è stato il noto comunicato del dicembre 2013, in cui la proprietà rossoblù fu invitata a rivedere i propri piani di spesa per via di una situazione debitoria fuori controllo. La denuncia pubblica della Fondazione Taras fu oggetto di feroci critiche e rimase purtroppo inascoltata, con la conseguenza che, al 30 giugno 2014, il Taranto Fc 1927 aveva accumulato quasi 600 mila euro di debiti. È opportuno partire da qui, allora: solo grazie alla presenza di consiglieri di espressione della Fondazione Taras in seno al cda del Taranto Fc 1927 è stato possibile permettere alla tifoseria rossoblù di conoscere le notizie che riguardavano la gestione del club; solo grazie all’azione dei tifosi è stato possibile non disperdere le energie e gli sforzi fatti nel 2012, garantendo la continuità del calcio a Taranto; solo grazie alla presenza di un rappresentante dei supporters negli organi dirigenziali è stato possibile lanciare l’allarme sui conti del club nel dicembre 2013. Esercitate le premesse dovute, la Fondazione Taras vuole ricordare pubblicamente che durante la scorsa estate si era resa disponibile a un confronto con i soci Zelatore e Bongiovanni, che in un primo momento si erano detti interessati a trattare, in associazione con altri imprenditori, l’acquisto delle quote di maggioranza del club, salvo poi comunicare pubblicamente il proprio repentino disimpegno. L’acquisizione del club da parte di Domenico Campitiello, secondo Zelatore e Bongiovanni, sarebbe avvenuta “con una cifra pressoché simbolica”; i due soci, tuttavia, non sottolineano con sufficienza che il nuovo proprietario si accollò, all’atto d’acquisto, l’intera massa di 600 mila euro di debiti prodotti dalla pregressa gestione, nei cui confronti la Fondazione aveva già manifestato le sue critiche. Con riguardo all’attuale situazione economico-finanziaria, la Fondazione Taras non è stanca di ricordare che il presidente Domenico Campitiello è stato sollecitato, anche attraverso una pec, a consegnare una situazione aggiornata dei conti al 30 giugno 2015. Il quadro finanziario, in via di definizione, è atteso entro pochi giorni. L’ultimo controllo sui conti del club, effettuato a marzo 2015 dal Sindaco monocratico, ha fatto emergere la situazione di una società sana, il cui debito iniziale di 600 mila euro risultava largamente abbattuto e in cui gli impegni correnti della stagione erano rispettati con puntualità. In questo senso, la scelta della Fondazione Taras dell’estate del 2014 di preferire, tra quelli che s’affacciarono all’acquisto del Taranto Fc 1927, l’unico imprenditore con adeguate garanzie economiche, fu davvero “lungimirante”. Le successive determinazioni del presidente Domenico Campitello, che, in contrasto con i suoi stessi proclami pubblici, ha scelto di disimpegnarsi dal club, appartengono a una scelta personale, assunta dopo una «riunione con se stesso», come affermato dall’interessato nell’intervista rilasciata alla Gazzetta del Mezzogiorno il 1° luglio 2015. Quanto ai presunti ostacoli alle attuali trattative in corso, merita di essere osservato che, dalla stessa intervista a Domenico Campitiello, si evince l’entità complessiva del debito attuale del Taranto Fc 1927, quantificato dal presidente in una cifra non eccedente i 120 mila euro, nonché la sua disponibilità a garantirlo mediante una fidejussione. Qualsiasi trattativa per l’acquisto del pacchetto di maggioranza del Taranto FC 1927, quindi, può procedere senza alibi, da parte di nessuno. Ai soci Zelatore e Bongiovanni e ai tifosi tutti va ricordato che la cessione di quote è un atto privatistico tra due parti e, in questo, gli organi sociali del Taranto Fc 1927 – compreso il Sindaco – non hanno diritto di intervento. D’altra parte, sino ad ora, la Fondazione Taras è l’unico socio che ha manifestato pubblicamente e in linea con l’intero sentimento della tifoseria la propria rinuncia al diritto di prelazione in presenza di manifestazioni di acquisto concrete da parte di acquirenti che abbiano come primo obiettivo la domanda di ripescaggio. Ancora una volta, questo trust di tifosi è pronto a fare la sua parte, privilegiando azioni concrete alle polemiche e invitando tutti coloro che hanno cuore le sorti del Taranto a contribuire al raggiungimento del comune obiettivo.

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 11:21



Lambrugo


Sono onorato di non essere stato capito. Meglio così. Uno sfogo...è uno sfogo.C.azzo, si sentono tutti presi in causa ? I numeri sono quelli. Rispondete coi numeri . La storia (per chi la conosce) è li. Le chiacchiere non fanno giurisprudenza. Non è mica un problema se la vediamo diversamente !!! Se avete voglia rileggete, se no tranquilli, se ne riparla più in là. : RIPETIAMO. Avevamo la 2^ migliore difesa dal 9° posto in giù (VI RENDETE CONTO ? ) La migliore posizione e miglior difesa del gruppo playout. La 2^miglior difesa di tutte le squadre dei tre gironi. Scontri diretti a casa nostra. Dopo le 4 gare positive hai perso contro l'Akragas. Certo. Cosa volevi ? Il realmadridd ? Una squadra così frattoppata, atleticamente e mentalmente doveva necessariamente concedere qualcosa prim o poi. Era sufficentemente bastata x salvarsi. Poi hai perso contro il messina palesemente piu forte. Cistà. Non vedo il problema. Ma poi ? C'erano tante gare. Scontri diretti. A casa tua poi. Stendardo ? Secondo la mente malata di alcuni ...Stendardo sarebbe retrocesso ? STENDARDO RETROCESSO ? Ahahahahahah. Contronatura. Garantito. 100%. Dovete fare ancora 50 anni di pallone per capire come funziona. Ma che città di imbecilli abbiamo !?!? . E POI: Visto che avete visto la trasmissione, perchè non prenotate le telefonate ? Perche non vi fate invitare ? Perche non mandate una mail ? Perchè non create un associazione culturale di calcio nostrano ed invitate presidenti, calciatori, DG...ect ? POVERANNUJIE

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 11:10



nonnoluigi


l'errore più grosso che riguarda il buon fabio è stato quello di utilizzarlo male ...prosperi doveva traghettare per poche settimane la squadra in mano di un allenatore che prendesse il posto di papagni frettolosamente rimosso...prosperi non aveva l'abilitazione e non si doveva azzardare ... poteva essere una risorsa in futuro ed è stata malamente sprecata...

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 10:58



Stefano


Nonno. Non ho nulla di personale contro prosperi, ma quella scelta fu scellerata. Questa abitudine di creare allenatori in casa non la condivido e soprattutto, avere un allenatore senza patentino , non è una scelta da squadra professionistica. Io senza patente non posso guidare. Se non sono iscritto all'albo professionale non posso esercitare. Pacifico. al netto di valutazioni personali, antipatie e simpatie.

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 10:51



LucioRossoblu


Oggi si vince e si tifa SOLO PER LA MAGLIA in..lo AGLI AZIEDALISTI E LECCHINI ...capisc a me

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 10:47



nonnoluigi


a difesa di fabiolino ..capitano ,ormai dimenticato, per tanti anni ....faccio un esempio banale e balordo...voglio ricordare ai più distratti che in casa il buon prosperi ....contro il cosenza ...giocò una partita persa malamente con una formazione molto giovane...quella persa tre a zero...al 20esimo fallo di mano di pambianchi...ed espulsione ...si gioca dopo il rigore in 10 ....assenti altobello stendardo nigro e de giorgi...in campo dobbiamo ricordarlo...una quasi juniores...Maurantonio, Pambianchi fuori al 20 esimo e sotto di un gol con un uomo in meno.., Paolucci, Sampietro, Magnaghi, Bollino ( Bobb), De Salve, Russo ( Boccadamo), Balzano, Lo Sicco, Viola ( Som all'esordio)....ricordiamo anche la panchina per i più distratti e anche per quelli in cattiva fede...che sono tanti... Pizzaleo, Cardea, Garcia, Giunta, De Toni, Pirrone.....a fine partita accetto il verdetto a mele in cuore...quelli erano gli eroi e con quelli scese in battaglia...

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 10:44



nonnoluigi


Stefano ...a bocce ferme.. a campionato finito....rivaluteremo anche il periodo di prosperi...in totale tra fatti e misfatti nello spogliatoio ...critiche incompetenti e risultati in campo con gli eroi disponibili..

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 10:34



Stefano


abbiamo detto che la lega pro è un patrimonio di tutti. ma proprio la società che ha speso tanti soldi doveva essere più presente, e chiamare a raccolta i tifosi. ci riduciamo sempre all'ultimo secondo. quando la situazione è drammatica e quasi irrecuperabile. si poteva fare di più, molto di più, tutti insieme. anzi, se avessimo evitato di complicarci la vita da soli, ora saremmo in ben altre posizioni. poi il fattaccio è stato il colpo di grazia, sia chiaro. ma senza il periodo prosperi de gennaro, non saremmo qui. è chiaro.

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 10:09



Stefano


credo che tutti quelli che amano il taranto sono vittime di quei trenta farabutti. chi pensa il contrario o spara nel mucchio accomunando la stragrande maggioranza di tifosi a quei [non consentita] che nulla hanno a che fare col calcio, è in mala fede.

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 10:07



peppone


Vabbé vá mi vado a prendere un paio di Caffé cosí mi calmo...menumale che non ho il padrocino per chiedergli il permesso!!

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 09:59



Romanzini


Capisco chi nelle ultime settimane per depressione sportiva si è allontanato dal Taranto, ma chi l'ha fatto, pur comprendendo la delusione, secondo me non è migliore di chi (i tre desaparecidos) ha abbandonato i compagni per attacchi di panico. Il Taranto va sostenuto SEMPRE, a maggior ragione in questi momenti di difficoltà. Facile andare al campo quando si vince, facilissimo festeggiare, più difficile restare al fianco della squadra quando ci sono momenti delicati. Per questo, per quella maglia che amiamo, e solo per lei, oggi dobbiamo essere presenti allo Iacovone ad incitare i ragazzi, perchè ci sono ancora 12 punti da conquistare, e io li voglio TUTTI! Una considerazione voglio farla sulle parole della Presidente, che considero una persona equilibrata e per bene. Mi fa piacere verificare che finalmente la Società per bocca del suo numero 1 sia tornata a parlare, e lo abbia fatto con considerazioni tutto sommato giuste. Solo su una cosa il Presidente non mi trova d'accordo: le presenze allo stadio. Non è una questione di prezzo di biglietti, ma di spettacolo a cui si assiste. Mai come quest'anno si va allo stadio come se fosse una camminata verso il Calvario (per usare termini di periodo). La speranza di vedere un Taranto bello, che segna, che gioca, che vince, è sempre flebile. Naturale dunque che ci siano non più di 3000 presenze allo stadio, e più che logico lo scollamento di buona parte della tifoseria dalla squadra. Una cosa non ha capito il Presidente: a Taranto non si pretende lo squadrone, e neanche la vittoria della Legapro, ma si pretende a giusta ragione una squadra che sappia DIVERTIRE, che sappia segnare (l'essenza del gioco del calcio), che sappia entusiasmare. Poi si può perdere, pareggiare o vincere. La gente desidererebbe un Taranto capace di fare un torneo come ad esempio l'hanno fatto quest'anno Francavilla, Cosenza o Casertana, non si chiede la Luna. Se riusciamo a salvarci, e riusciamo a costruire una squadra capace di farci divertire domenicalmente, vedrà il Presidente che i numeri allo stadio aumenteranno in maniera esponenziale. Dopotutto il 4 agosto e il fiume di gente per le strade a festeggiare sono eventi dietro l'angolo, avvenuti da poco. Sotto la cenere, e sotto questa rabbia sportiva, cova una passione che vuole essere solo tirata fuori, e lo strumento è solo uno: una squadra che sappia giocarsela con tutti divertendo i suoi tifosi. Non servono soldi, ma solo competenze, quelle giuste. FORZA VECCHIO CUORE ROSSOBLU'!!!!!!!!!!!!!

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 09:58



peppone


Ma piccé no vu spusate a Mariano Schiettino...certe persone non possono evitare di avere il padroncino di turno,perché con le proprie gambe non sarebbero capaci di dare e fare 2 passi!!Accussí ne ve a Tarde!!

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 09:56



peppone


Cosa ne dite ragazzi il paragone che ha fatto l'amico lambrugo Donna uomo e paragonabile al paragone che fece Bingiovanno sul gioco di papagni quando lo definí mongolo....ce trestezze!!

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 09:53



LucianoSecchi


Ed intanto gli avvoltoi aleggiano sul nostro comatoso Taranto. Venerdì presso l'hotel BhB a Manduria alle ore 18.30 si tiene il programma "Dentro la rete", vedibile in streaming su cosmopolismedia.it. Nome della puntata "Parla Blasi"Ospiti Blasi e Galigani. Moderatrice Debora Notarnicola

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 09:52



binariotroncocannata


sempre piu convinto che il male del taranto sono alcuni tifosi e qualcuno scrive qui sopra.che per catturare l'attenzione fanno polemica remano al contrario fanno i rivoluzionari.altroche mariano stendardo..

Scritto il 19 Aprile 2017 ore 09:50