Go to Top

Ciro Chirico

CANDIDATO CONSIGLIO DIRETTIVO 2016-2019

Ciro ChiricoNOME E COGNOME: Ciro Chirico
NATO A:  Taranto il 18.1.1958
ISCRITTO IL:  28.8.2012
TESSERA N°: 699

Nato il 18 gennaio del 1958, tifoso del Taranto da sempre, sono un ex commerciante tarantino nel campo idraulico e attualmente sono per qualche mese impegnato in un cantiere navale in Indonesia. Mi onoro di aver partecipato alla creazione della Fondazione Taras già dalle prime riunioni quando in particolare assunsi l’impegno di gestire il lavoro della segreteria con il contributo di altri ragazzi volenterosi. Nel corso di questi quasi 4 anni ho partecipato attivamente a tutte le iniziative della Fondazione Taras, comprese quelle in supporto al nostro Taranto, dalla riqualificazione di alcuni ambienti dello stadio alla campagna abbonamenti, passando per i viaggi della speranza della scorsa estate per la consegna dei documenti a Roma e Firenze durante l’ultima crisi societaria.

Credo molto nella partecipazione popolare, nel coinvolgimento dei giovani e nella gestione trasparente, tutti temi propri della mission della Fondazione Taras, e mi candido con l’intento di dare continuità al lavoro svolto finora con lusinghieri risultati.

Spero di aver meritato in questi anni la vostra fiducia e vi ringrazio fin d’ora se me la vorrete confermare.

Ciro Chirico

2 Responses to "Ciro Chirico"

  • Avatar
    max
    22 Febbraio 2016 - 19:34 Reply

    Ciao Ciro.
    Pongo una domanda a te e a tutti gli altri candidati: un argomento

    che non e’ stato toccato da alcuno di voi ma per me fondamentale per le
    sorti della Fondazione.
    Sappiamo
    tutti quello che la Fondazione ha fatto negli ultimi anni, ma sono
    convinto che dopo gli anni spesi a mettere una dopo l’altra le varie
    toppe che hanno permesso
    al Taranto di sopravvivere si debba portare la Fondazione ad una sorta
    di livello 2.0. Io penso che non si debba solo rincorrere gli eventi,
    andando incontro o alla ricerca del salvatore della patria di turno,
    secondo me e’ arrivato il tempo che la Fondazione si faccia avanti anche
    come soggetto in futuro autonomo per la gestione diretta (non
    necessariamente il 100% del capitale) della squadra di calcio. Questo
    non vuol dire scalzare la societa attuale, assolutamente, ma porsi – ste by step –
    come soggetto potenzialmente autonomo, senza timore, con chiarezza
    anche in citta’. Nessun contrasto con la proprieta’ attuale, piena
    collaborazione per raggiungere insieme importanti obiettivi,
    ma senza timore nel caso in cui la proprieta stessa un giorno voglia
    lasciare o voglia operare come soggetto minoritario.
    Quindi le seguenti domande? Vorresti lanciare la
    Fondazione ad un livello 2.0? Se si, in che modo? Vedi nel futuro della
    Fondazione la gestione diretta della squadra di calcio? In che modo e
    con quali passi?

    PS: sinceramente troppa attenzione da parte di
    quasi tutti i candidati (ed in passato importanti capitali della
    Fondazione) al settore giovanile quando annualmente non siamo sicuri di
    iscrivere la prima squadra mi sembra un po’ fuori luogo.

    Con affetto e simpatia.
    Massimo Spinelli

  • Avatar
    check it out
    7 Settembre 2016 - 08:28 Reply

    I just want to say I’m beginner to blogging and truly savored this web-site. Most likely I’m want to bookmark your blog post . You actually have tremendous stories. Thanks a bunch for sharing with us your web site.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.